AMMORTIZZATORI SOCIALI – EMERGENZA COVID 19

  • Quali imprese possono accedere?

Le aziende che occupano almeno un dipendente e che  sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza da COVID-19, per periodi decorrenti dal 23 febbraio 2020 per una durata massima di nove settimane e comunque entro il mese di agosto 2020.

 

  • Che  requisiti che deve avere l’impresa?
  1. Tutti i datori di lavoro del settore privato (esclusi i datori di lavoro domestico), che occupano meno di 5 dipendenti possono presentare domanda di Cassa Integrazione Guadagni in Deroga ( CIG in deroga) per la durata della sospensione del rapporto di lavoro, per un periodo massimo di 9 settimane a partire dal 23 febbraio 2020, in funzione ai dipendenti già in forza alla medesima data.
  2. I datori di lavoro che occupano più di 5 dipendenti e che versano al fondo di integrazione salariale possono presentare domanda di accesso all’assegno ordinario (Fondo di Integrazione Salariale) con causale “emergenza COVID-19”, sempre  per periodi decorrenti dal 23 febbraio 2020 per una durata massima di nove settimane e comunque entro il mese di agosto 2020.

Sarà nostra premura avvertirvi se la vostra azienda stia versando o meno il contributo FIS all’INPS. In entrambi i casi i lavoratori destinatari del trattamento devono risultare alle dipendenze dei datori di lavoro richiedenti alla data del 23 febbraio 2020 e non è richiesto il requisito dell’anzianità di effettivo lavoro pari a 90 giorni.

  •  Come comunicarlo

L’azienda  può procedere alla sospensione/riduzione dell’attività avvisando tempestivamente Servizi Imprese (info@si-rimini.it)  per attivare le comunicazioni che devono essere fatte agli Enti competenti.

E’ importante comunicare ad ogni lavoratore dipendente la sospensione dal lavoro ed il ricorso agli ammortizzatori sociali.

Condividi questa news